Ogni Datore di Lavoro (DDL) ha l’obbligo di legge, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81., Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sul lavoro, di nominare un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP).  

Tale compito, se adeguatamente formato, potrà essere svolto da:

  • un elemento interno all’azienda, solitamente il Datore di Lavoro; 
  • oppure un consulente esterno esperto in Sicurezza sul Lavoro, definito Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Nominato. 

In quest’ultimo caso L’ RSPP nominato che possa essere del personale interno od un  consulente esterno, viene designato dal datore di lavoro; ma per poter svolgere la funzione di RSPP, deve essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di scuola secondaria superiore.

Nel D.Lgs. 81/08 Art. 32 e s.m.i, vengono indicati quali dovranno essere i requisiti professionali e le capacità dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni.

Il percorso formativo per RSPP nominato è specificato nell’Accordo della Conferenza Stato-Regioni del 07/07/2016, e prevede una formazione organizzata nei moduli A, B e C:

  • il Modulo A è il Corso base per lo svolgimento della funzione di RSPP, propedeutico per l’accesso agli altri moduli.

 

  • il Modulo B è il corso correlato ai rischi presenti sul luogo di lavoro. E’ strutturato con un modulo comune a tutti i settori produttivi, e per coloro che vogliano ricoprire l’incarico di RSPP in specifici settori vi è l’obbligo di frequentare anche dei moduli di specializzazione:
    • SP1 – Agricoltura e Pesca 12 ore;
    • SP2 – Cave e costruzioni 16 ore;
    • SP3 – Sanità residenziale 12 ore;
    • SP4 – Chimico / petrolchimico 16 ore. 

 

  • il Modulo C è il corso di specializzazione per le sole funzioni di RSPP, finalizzato all’acquisizione di competenze e abilità relazionali e gestionali.

 

 

 Obiettivi del corso 

Si parlerà del sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori, responsabilità e prevenzione per poi scendere in considerazioni più tecniche; criteri e strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi; modelli di organizzazione e gestione della sicurezza, fino a trattare tutti i rischi connessi alle attività di un’azienda senza distinzione di livello o ruolo.

Il corso ha lo scopo di formare i liberi professionisti direttamente, rispetto alle competenze in materia di sicurezza e salute sul lavoro necessarie allo svolgimento dei compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi e tratterà, come previsto dall’ Allegato A, dell’Accordo Stato Regioni 07/07/2016 vari aspetti, quali:

  • la normativa generale e specifica in tema di igiene e sicurezza del lavoro, i criteri e strumenti per la ricerca delle leggi e norme tecniche riferiti a problemi specifici;
  • i vari soggetti del sistema di prevenzione aziendale, i loro compiti, le loro responsabilità e le funzioni svolte dai vari Enti preposti alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori;
  • gli aspetti normativi e concettuali, con riferimento ai rischi presenti nei luoghi di lavoro, ai criteri metodologici per la valutazione dei rischi, ai contenuti del documento di valutazione dei rischi, alla gestione delle emergenze;
  • le modalità con cui organizzare e gestire un Sistema di prevenzione aziendale, tenendo conto delle attribuzioni e dei ruoli dei vari soggetti che lo compongono;
  • gli istituti relazionali previsti dal D.lgs. 81/2008 e s.m.i., quali l’informazione, la formazione la consultazione e la partecipazione.
  • elementi di conoscenza su legislazione specifica, normativa tecnica e buone prassi per ogni rischio;
  • abilità relative all’ adozione di metodi, tecniche e strumenti per la valutazione di ogni rischio specifico finalizzata alla individuazione delle misure di prevenzione e protezione compresi i dispositivi di protezione individuale, la segnaletica e la sorveglianza sanitaria (ove prevista).
  • progettare e gestire processi formativi in riferimento al contesto lavorativo e alla valutazione dei rischi, anche per la diffusione della cultura alla salute e sicurezza e del benessere organizzativo
  • pianificare, gestire e controllare le misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza aziendali attraverso sistemi di gestione della sicurezza
  • utilizzare forme di comunicazione adeguate a favorire la partecipazione e la collaborazione dei vari soggetti del sistema.

 

 

Modalità e Durata del Corso

Il Monte ore ed il programma di formazione sono adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e alle attività lavorative svolte, individuate in base al settore ATECO 2002-2007 di appartenenza dell’Allegato II dell’ Accordo Stato Regioni.

Modulo A: Durata corso 28 ore

Modulo B: Durata corso 48 ore

Modulo C: Durata corso 24 ore

 

 

Destinatari del Corso 

Il corso è rivolto a tutti coloro che, in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore intendono svolgere i compiti diretti di prevenzione e protezione dai rischi (Rspp o Aspp) ai sensi del D.lgs. 81/08, art.32 e dell’Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006.

 



Lascia un commento